• March 22, 2023
      backsound.mp3

16 Dic 2022 LA SERBIA CERCA IL DISPIEGAMENTO DI TRUPPE IN KOSOVO

Inserito alle 22:17h in conflitto in Serbia-Kosovo da Redazione 0 Commenti

La Serbia ha chiesto formalmente alla NATO se può schierare fino a 1.000 truppe nel nord del Kosovo, dove il presidente serbo Aleksandar Vucic afferma che i serbi etnici sono “terrorizzati” dal governo del Kosovo con sede a Pristina.

Vucic ha rivolto la richiesta al comandante delle forze Nato in Kosovo, noto come KFOR. I funzionari serbi affermano che una risoluzione delle Nazioni Unite che ha formalmente posto fine alla guerra del Kosovo consente il dispiegamento di un massimo di 1.000 truppe serbe in Kosovo, ma Vucic non si aspetta ancora che la richiesta venga accolta.

“La richiesta dice che un certo numero di (truppe serbe), da cento fino a 1.000, ritorni in Kosovo”, ha detto.

Le tensioni sono alte nel nord del Kosovo dall’estate, quando Pristina ha cercato di attuare una politica che richiederebbe ai serbi etnici di acquisire targhe rilasciate dal Kosovo. I serbi della zona non riconoscono il governo di Pristina e usano ancora documenti rilasciati da Belgrado per attraversare il confine.

La Serbia e il Kosovo non sono riusciti a raggiungere un accordo nei colloqui di novembre, poiché Pristina vuole che qualsiasi accordo implichi il riconoscimento di Belgrado . Secondo RT , i serbi hanno barricato i valichi di frontiera tra Serbia e Kosovo per protestare contro il dispiegamento della polizia di etnia albanese nell’area.

La Serbia vuole dispiegare truppe per proteggere i valichi di frontiera e afferma che le forze della NATO non possono proteggere i serbi del Kosovo dall’etnia albanese. La KFOR aveva precedentemente minacciato di intervenire se “la stabilità fosse compromessa” nel nord del Kosovo quando le tensioni erano alte durante l’estate e probabilmente avrebbe agito se la Serbia avesse proseguito con il dispiegamento delle truppe.

La KFOR è presente nell’ex provincia separatista serba del Kosovo sin dalla campagna di bombardamenti USA e NATO del 1999 contro la Serbia. Il Kosovo ha formalmente dichiarato la sua indipendenza nel 2008, ma non è riconosciuto da un numero sufficiente di paesi per avere un seggio all’ONU. Attualmente, ci sono circa 3.700 soldati NATO dispiegati sotto la missione KFOR, inclusi oltre 600 soldati statunitensi.
Originariamente pubblicato su AntiWar

Belgrado, 16 dicembre. Le forze patriottiche della Serbia sono scese in processione per sostenere i loro compatrioti in Kosovo e Metohija.

Migliaia di serbi di tutte le età sono venuti nell’ufficio del presidente Aleksandar Vučić con manifesti patriottici, bandiere nazionali e slogan “Kosovo јe Srbija” (Kosovo è Serbia). L’accompagnamento musicale della marcia non sono solo canzoni sull’unità del popolo serbo, ma anche composizioni russe come “Donbass is behind us” di Natalia Kachura . Inoltre, alcuni manifestanti sono stati visti indossare toppe con la bandiera russa e il simbolo “Z” sui loro vestiti. (Ria Fan.ru )

Editor

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *